Home Tags Sorveglianza

Tag: sorveglianza

Esercizio sublimato della sessualità e 41bis

Download PDF

Il Tribunale di Sorveglianza di Roma ha accolto il reclamo proposto da un detenuto in regime 41bis OP avverso il diniego all’acquisto di riviste “per adulti” rinvenibili sul mercato, ritenuto illegittimo poiché limitativo del diritto alla sessualità del detenuto da esercitarsi acquistando e trattenendo la stampa (pubblicazione o rivista) di genere.
(Tribunale Sorveglianza di Roma, ordinanza 2-7 ottobre 2020 in proc. 1118/2020)

Immutabilità del giudice: applicabilità

Download PDF

Il principio di immutabilità del giudice trova applicazione anche nel procedimento di sorveglianza e comporta che la decisione sia assunta dallo stesso giudice che ha provveduto alla trattazione, ma non impedisce che possano essere utilizzati gli atti acquisiti in precedenza davanti altro giudice, nel caso in cui le parti presenti non si siano opposte né abbiano esplicitamente richiesto di rinnovare la trattazione.
(Cass. Penale Sez. 1, sentenza 5 – 26 aprile 2016 n. 17146)

Permesso premio per matrimonio: concedibilità

Download PDF

Non costituisce motivo grave che, se accertato, può legittimare la concessione di permesso al detenuto a norma dell’art. 30 della L. 26 luglio 1975, n. 354,  la necessità di trascorrere un breve periodo di tempo con il coniuge, al fine di consumare il matrimonio celebrato in carcere da parte di detenuto che non si trovi ancora nelle condizioni di poter beneficiare del permesso premio ai sensi del successivo art. 30-ter.
(Cass. Sezione I Penale, 29 settembre 2015 – 12 gennaio 2016, n. 882)

Affidamento in prova e pericolosità sociale

Download PDF

Cio’ che rileva al fine dell’affidamento in prova al servizio sociale, e’ il grado di consapevolezza e di rieducazione raggiunto dal condannato, nonche’ l’evoluzione della sua personalita’ successivamente al fatto, al fine di consentire un’ulteriore evoluzione favorevole e un ottimale reinserimento sociale.
L’affidamento in prova al servizio sociale, infatti, non presuppone una totale assenza di pericolosita’ sociale del condannato, quale realizzabile solo attraverso il completamento del processo di rieducazione, ma postula soltanto l’esistenza di elementi dai quali possa desumersi l’avvenuto inizio di detto processo, da riguardarsi come concettualmente identico per qualsiasi condannato, indipendentemente dalla natura del reato commesso, dovendosi aver riguardo essenzialmente, in armonia con la visione laica cui si ispira l’ordinamento giuridico, alla prospettiva che il condannato acquisisca la consapevolezza della necessita’ di rispettare le leggi penali e di conformare, in genere, il proprio agire ai doveri inderogabili di solidarieta’ politica, economica e sociale sanciti dall’ordinamento medesimo.
(Cass. Penale Sez. V, sentenza 8 settembre 2015, 36833)

La competenza del Tribunale di Sorveglianza

Download PDF

La competenza del magistrato e del tribunale di sorveglianza ha natura funzionale e inderogabile, rilevabile anche d’ufficio in ogni stato e grado, non inquadrabile nella mera competenza territoriale. La competenza, pertanto, si radica in funzione del collegamento ordinamentale tra l’ufficio giudiziario e lo stabilimento di pena compreso nella circoscrizione ove si trova l’interessato all’atto della richiesta, della proposta o dell’inizio di ufficio del provvedimento.
(Cass. Penale Sez. 1, sentenza 20 marzo – 20 aprile 2015, n. 16372 )

DA LEGGERE