Home Sorveglianza

Sorveglianza

Il tentativo non rientra nei reati ostativi ex art. 4 bis O.P.

Download PDF

Il divieto di concessione di misure alternative alla detenzione e di benefici penitenziari, imposto dall’art. 4-bis Ord. Pen. per la commissione di taluni gravi delitti ivi previsti, opera esclusivamente per i reati consumati, e non per le corrispondenti fattispecie commesse nella forma tentata, per il carattere autonomo del tentativo e per la natura eccezionale della norma che deroga al principio generale di accesso ai benefici penitenziari.

In materia di concessione delle misure alternative alla detenzione (come pure di liberazione condizionale e rinvio dell’esecuzione delle pena), la competenza a provvedere spetta al Tribunale di sorveglianza, a norma dell’art. 70 Ord. Pen., mentre l’omonimo Magistrato può adottare solo provvedimenti provvisori, dal carattere interlocutorio e destinati ad essere assorbiti dalla decisione collegiale. Pertanto, il Magistrato di Sorveglianza non può decidere autonomamente sull’ammissibilità dell’istanza proposta dal detenuto.
(Cass. Sezione I Penale, 15.12.17-14.2.18, n. 7240)

Madri condannate: detenzione domiciliare speciale e reati ostativi

Download PDF

La Suprema Corte di Cassazione ha confermato che, successivamente alla pronunzia delle sentenze della Corte Costituzionale n. 239 del 2014 e n. 76 del 2017, la detenzione domiciliare speciale di cui all’art. 47quinquies Ord. Pen. può essere concessa anche se è intervenuta condanna per uno dei delitti previsti dall’art. 4-bis Ord. Pen., senza che sia necessario il previo accertamento della collaborazione con la giustizia e, nelle ipotesi contemplate dal comma 1-bis del citato art. 47quinquies, anche se non siano già stati espiati un terzo della pena inflitta o quindici anni di detenzione, in caso di condanna alla pena dell’ergastolo.
(Cass. Penale Sez. I^, sentenza 31 ottobre 2018 – 10 gennaio 2019, n. 1029)

Trattenimento vaglia postale: obblighi motivazionali

Download PDF

Il provvedimento del magistrato di sorveglianza di trattenimento di un vaglia postale inviato al detenuto in regime di 41 bis o.p. da persona diversa dai familiari in regime di 41 bis o.p. deve essere motivato in ordine alle effettive ragioni per le quali si ritiene sussistente il pericolo di collegamento con l’organizzazione criminale esterna.
(Cass. Sezione I Penale, 16 novembre – 13 dicembre 2018, n. 56197)

Sospensione dell’esecuzione, requisisti

Download PDF

Il Tribunale di Sorveglianza di Milano, dopo avere rigettato la richiesta dell’affidamento in prova al servizio sociale e nelle more della decisione del ricorso per Cassazione presentato dalla difesa, ha sospeso l’esecuzione della propria ordinanza ritenendo sussistenti entrambi i requisiti richiesti dalla norma: il fumus boni iuris e il periculum in mora.
(Tribunale Sorveglianza di Milano, ordinanza 10-11 luglio 2018, in proc. 5973)

Ricorso per cassazione nel procedimento di sorveglianza: sottoscrizione

Download PDF

La Prima Sezione ha affermato che, a seguito delle modifiche apportate agli artt. 571, comma 1, e 613, comma 1, cod. proc. pen. dalla legge 3 agosto 2017, n. 103, è inammissibile il ricorso per cassazione proposto personalmente dal condannato, anche se detenuto, avverso il provvedimento del magistrato di sorveglianza in tema di ammissione alla detenzione domiciliare.
(Cass. Sezione I^ Penale, sentenza 4 ottobre – 23 novembre 2017, n. 53330)

SOCIAL

397FollowersFollow
1,884FollowersFollow
609SubscribersSubscribe

ULTIMI INSERIMENTI

DA LEGGERE

TWITTER

La mente è come l'ombrello, infatti.
Per funzionare bene, deve essere completamente aperta.
Figuriamoci se funziona quando è chiusa col lucchetto. https://t.co/4RKf432y31

15 febbraio, Centro Congressi Cavour - "Quando c'era l'Urss" di Gian Piero Piretto - https://t.co/JvsqIu4ILg di @creativejuiz

Sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte e trust https://t.co/lMCJVX2bGl di @Osservatorio Penale