Giudizio

Individuazione di persona e attendibilità della testimonianza

Download PDF
L’esito del riconoscimento di persona effettuato nel corso delle indagini preliminari senza le garanzie del contraddittorio, in virtù del principio di atipicità della prova, è ammesso ed ha accesso al dibattimento a mezzo della testimonianza di chi ha effettuato l’individuazione, ma la sua utilizzazione ai fini del giudizio è subordinata al rigoroso vaglio sulla spontaneità del riconoscimento e sull’assenza di qualsivoglia elemento di condizionamento.
Sulla scorta di tale principio, il Tribunale di Varese ha ritenuto irreparabilmente pregiudicata e dunque invalida, la ricognizione di persona effettuata in sede di incidente probatorio senza rispettare le modalità esecutive dettate dalla norma per l’assunzione di tale mezzo di prova, tra cui il divieto di incontro del teste con l’indagato e l’averne taciuto, il teste, la pregressa conoscenza.

Nullità relative

Download PDF
La nullità del decreto di citazione a giudizio per l’omesso avviso di conclusione delle indagini preliminari – previsto dall’art. 415 bis c.p.p. – è di natura relativa e, pertanto, deve essere eccepita a pena di decadenza entro il termine di cui all’art. 491 c.p.p. subito dopo compiuto per la prima volta l’accertamento della costituzione delle parti.
(Cass. Pen. Sez. III, 20 giugno 2008, n. 25223 – ric. Giglio e altri)

Testimonianza di imputato di reato collegato

Download PDF
L’imputato di reato “reciproco”, non ancora definitivamente giudicato, che renda dichiarazioni su fatti che concernono la responsansabilità di altri, assume, in base all’art. 197bis c.p.p., la veste di testimone assistito, sicché, qualora egli sia sentito come testimone senza le garanzie previste da tale norma, dette dichiarazioni non sono utilizzabili ex articolo 64, comma 3bis, c.p.p.
(Cass. Pen. Sez. V, 12 gennaio 2009, n. 599 – ric. Mastroianni e altro)

Notificazione estratto contumaciale

Download PDF
In tema di notificazione all’imputato dell’estratto contumaciale della sentenza, ai sensi dell’ari. 161,comma 4, C.P.P., nella ipotesi che costui sia assistito da due difensori di fiducia legittimati a proporre impugnazione, la notificazione deve ritenersi validamente eseguita alternativamente presso l’uno o l’altro dei difensori, non sussistendo un diritto dell’interessato ad una duplice notificazione dell’unico atto.

Perizia, potere discrezionale del giudice

Download PDF
La perizia è mezzo di prova neutro ed è sottratta al potere dispositivo delle parti, che possono attuare il diritto alla prova anche attraverso proprie consulenze. La sua assunzione è pertanto rimessa al potere discrezionale del giudice e non è riconducibile al concetto di prova decisiva, con la conseguenza che il relativo diniego non è sanzionabile ai sensi dell’art. 606, comma 1, lettera d), c.p.p. e, in quanto giudizio di fatt, se  assistito da adeguata motivazione, è insindacabile in sede di legittimità, anche ai sensi dell’art. 606, comma 1, lett. e) c.p.p.
(Cass. Penale Sez. VI, 25 novembre – 30 dicembre 2008, n. 48379)

SOCIAL

397FollowersFollow
2,058FollowersFollow
666SubscribersSubscribe

DA LEGGERE

TWITTER

IMPUTATO PER SEMPRE - IL PROCESSO SENZA PRESCRIZIONE
Segui la diretta di @RadioRadicale del Congresso Straordinario di Taormina del 18-20 ottobre 2019
▶️ https://www.radioradicale.it/eventi/4490

I nuovi orizzonti del dibattimento rinnovato davanti al giudice diversamente composto http://www.giurisprudenzapenale.com/2019/10/17/nuovi-orizzonti-del-dibattimento-rinnovato-davanti-al-giudice-diversamente-composto/

Errore diagnostico e consumazione reato - https://www.osservatoriopenale.it/errore-diagnostico-e-consumazione-reato/