Giudizio

Dichiarazioni rese in assenza delle garanzie difesive, essenziale lo scrutinio sulla spontaneità

Download PDF

Le dichiarazioni spontanee, anche se rese in assenza del difensore e senza l’avviso di poter esercitare il diritto al silenzio, sono utilizzabili nella fase procedimentale nella misura in cui emerga con chiarezza che l’indagato abbia scelto di renderle liberamente, senza alcuna coercizione o sollecitazione.

Estinzione del reato per condotte riparatorie, appellabilità

Download PDF

La Prima Sezione della Corte di cassazione ha affermato che l’ordinanza emessa in dibattimento, all’inizio o nel corso dello stesso, di rigetto della richiesta di estinzione del reato per condotte riparatorie, ex art. 162 ter cod. pen., è appellabile unitamente alla sentenza di primo grado; detta ordinanza, comunque motivata, non è autonomamente impugnabile per abnormità, in quanto si colloca all’interno del sistema processuale e non determina alcuna stasi del procedimento.
(Cass. Penale Sez. Sesta 29 maggio – 28 giugno 2018, n. 29562)

Costituzione di parte civile: poteri del sostituto

Download PDF

Le Sezioni unite della Corte di cassazione, hanno affermato che il sostituto processuale del difensore al quale il danneggiato abbia rilasciato procura speciale al fine di esercitare l’azione civile nel processo penale, non ha la facoltà di costituirsi parte civile, salvo che detta facoltà sia stata espressamente conferita nella procura o che il danneggiato sia presente all’udienza di costituzione.
(Corte di Cassazione, Sezioni Unite Penali, sentenza 21 dicembre 2017 – 16 marzo 2018, n. 12213)

Natura giuridica dei dati informatici acquisiti da dispositivo

Download PDF

I dati informatici acquisiti dalla memoria del telefono in uso all’indagata (sms, messaggi whatsapp, messaggi di posta elettronica “scaricati” e/o conservati nella memoria dell’apparecchio celluiare) hanno natura di documenti ai sensi dell’art. 234 cod. proc. pen.
(Cass. Penale Sez. V, sentenza 21 novembre 2017 – 16 gennaio 2018, n. 1822)

Rinuncia al ricorso per cassazione: formalità e disciplina intertemporale

Download PDF

La declaratoria di inammissibilità per rinuncia al ricorso, può essere pronunciata “de plano”, ai sensi dell’art. 610, comma 5 bis, cod. proc. pen. – introdotto dalla legge 23 giugno 2017, n. 103 -, anche se l’atto impugnato sia stato emesso prima della entrata in vigore della nuova disposizione, trattandosi di causa d’inammissibilità già prevista e riferendosi la nuova norma al procedimento dinanzi la Corte di cassazione e non al regime delle impugnazioni.
(Cass. Penale Sez. 1^, sentenza 7 – 15 novembre 2017, n. 522658)

SOCIAL

397FollowersFollow
1,852FollowersFollow
607SubscribersSubscribe

ULTIMI INSERIMENTI

DA LEGGERE

TWITTER

2001 Odissea nello spazio, 50 anni dopo l'apoteosi della fantasia al potere è ancora mito - Tempo Libero - https://t.co/A2wIM7Uz3F https://t.co/e3ug3zmrW1

Comprate libri e non li leggete? È la cosa migliore che possiate fare https://t.co/BZVZXscucJ di @linkiesta

Roma, Cuarón e il Messico diviso in un piano sequenza https://t.co/I0KjYV01s6