Reato in Generale

Messa alla prova: limiti di pena

Download PDF
Nella individuazione dei reati attratti alla disciplina della probation di cui agli artt. 168 bis e seguenti c.p. in ragione del mero riferimento edittale, deve guardarsi unicamente alla pena massima prevista per ciascuna ipotesi di reato, prescindendo dal rilievo che nel caso concreto potrebbe assumere la presenza della contestazione di qualsivoglia aggravante, comprese quelle ad effetto speciale.
(Cass. Penale Sez. VI, sentenza 9 dicembre 2014 – 13 febbraio 2015, n. 6483)

L’attenuante ex art. 62 n.3 c.p.

Download PDF

L’attenuante comune dell’aver agito per suggestione della folla in tumulto.
di Antonino Ordile
Avvocato Cassazionista in Roma – Cultore di Diritto Penale nell’Università di Siena – Polo Universitario di Grosseto

Tossicodipendenza e riconoscimento della continuazione

Download PDF
Ai fini del riconoscimento della continuazione il Giudice deve tenere in considerazione i seguenti principi:
– il dubbio sulla ricorrenza o meno della continuazione deve essere risolto applicadno il principio del favor rei;
– la modificazione dell’art. 671 c.p.p., non ha introdotto una prova legale ma ha però stabilito un parametro legale di valutazione, nel senso che ai fini del giudzio in ordine alla ricorrenza del vincolo ex art. 81 c.p., è necessario considerare anche lo stato di tossicodipendenza, stato che il giudice non può ignorare;
– la connessione dei reati allo sato di tossicodipendenza è indizio rilevante a favore del riconoscimento del vincolo in parola;

Sospensione della pena sottoposta a condizione: presupposti

Download PDF
Le locuzioni obbligo di restituzioni e risarcimento del danno di cui all’art. 165 c.p., comma 1, prima parte, si riferiscono al solo danno civilistico, sicchè, indipendentemente dalla natura giuridica del reato commesso, la sospensione condizionale della pena può essere subordinata all’adempimento dei suddetti obblighi, solo ed esclusivamente nelle ipotesi in cui vi sia stata costituzione di parte civile e questa abbia espressamente richiesto la condanna dell’imputato al risarcimento del danno o alle restituzioni.

Aggravante della destrezza, requisiti

Download PDF

Non sussiste l’aggravante della destrezza nel caso in cui il derubato si trovi in altro luogo, ancorché contiguo, rispetto a quello in cui si sia consumata l’azione furtiva o comunque si sia allontanato da esso, in quanto in questo caso la condotta non è caratterizzata da particolare abilità dell’agente nell’eludere il controllo, ma dalla semplice temerarietà di cogliere un’opportunità in assenza di detto controllo.

SOCIAL

397FollowersFollow
2,080FollowersFollow
678SubscribersSubscribe

DA LEGGERE

TWITTER

Alla lettura del dispositivo l’imputato applaude sarcasticamente accompagnando il gesto con la frase “adesso è contento PM?”. E' oltraggio a magistrato in udienza - https://www.osservatoriopenale.it/oltraggio-a-magistrato-in-udienza/

Cercasi Prince, la maialina malata di tumore rubata a Borgofranco d’Ivrea: i proprietari offrono ricompensa ➡https://buff.ly/2qJWn8O