Difesa di Ufficio

Patrocinio a spese dello Stato: reddito rilevante

Download PDF
In tema di patrocinio a spese dello Stato, l’ultima dichiarazione per la individuazione del reddito rilevante ai fini dell’ammissione al beneficio, a norma dell’art. 76 D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, è quella per la quale è maturato, al momento del deposito della istanza, l’obbligo di presentazione.
(Cass. penale Sez. IV, sentenza 5 febbraio – 25 febbraio 2010, n. 7710)

Il nuovo “Prontuario” del Tribunale di Roma

Download PDF
Il Tribunale di Roma adotta il nuovo “Prontuario” sulle modalità di ammissione al Patrocinio a Spese dello Stato e di liquidazione degli onorari ai difensori di ufficio ed ai difensori di persona ammessa al beneficio.

Gratuito patrocinio e rigetto della domanda risarcitoria

Download PDF
Il difensore della parte civile, ammessa al patrocinio gratuito, ha sempre diritto alla liquidazione del proprio onorario da parte dello Stato anche se all’esito del giudizio sia stata rigettata la domanda risarcitoria avanzata nell’interesse del proprio assistito.
(Cass. penale Sez. IV, 16 luglio – 5 novembre 2009, n. 42508)
 

Liquidazione onorari e irreperibilità di fatto

Download PDF
In tema di patrocinio a spese dello Stato, la condizione di irreperibilità del patrocinato, alla quale l’art. 117 del d.P.R. 30 maggio 2002, n. 115 subordina la liquidazione degli onorari e delle spese di difesa a carico dell’Erario, attiene ad una situazione sostanziale e di fatto, indipendente dalla pronuncia processuale di irreperibilità, che, rendendo il debitore non rintracciabile al momento in cui la pretesa creditoria diventa azionabile, impedisce di effettuare qualunque procedura per il recupero del credito professionale. 
La Corte di legittimità, ribasce implicitamente anche il diritto del difensore ad essere rimborsato per i compensi  relativi alla procedura esecutiva inutilmente esperita per la riscossione dell’onorario.
(Cass. Civile Sez. II, sentenza 10 giungo – 20 luglio 2010, n. 17021)

Restituzione in termini, contumacia e difesa di ufficio

Download PDF
La effettiva conoscenza da parte dell’imputato contumace del procedimento contro lui pendente o celebratosi non può farsi discendere dalla mera notifica degli atti al difensore di ufficio (e non di fiducia) domiciliatario, salvo che non si rilevi aliunde che il difensore di ufficio si è effettivamente messo in contatto con l’assistito, così instaurando un effettivo rapporto professionale contenutisticamente identico al rapporto fiduciario col difensore di fiducia.
(Cass. Penale Sezione IV, sentenza 26-28 gennaio 2010, n. 3618) 

SOCIAL

397FollowersFollow
1,885FollowersFollow
614SubscribersSubscribe

ULTIMI INSERIMENTI

DA LEGGERE

TWITTER

... quando il bambino era bambino, giocava con entusiasmo, e, adesso, è tutto immerso nella cosa come allora, soltanto quando questa cosa è il suo lavoro - https://t.co/l6trHIhr8F

La mente è come l'ombrello, infatti.
Per funzionare bene, deve essere completamente aperta.
Figuriamoci se funziona quando è chiusa col lucchetto. https://t.co/4RKf432y31

15 febbraio, Centro Congressi Cavour - "Quando c'era l'Urss" di Gian Piero Piretto - https://t.co/JvsqIu4ILg di @creativejuiz