Delitti e Contravvenzioni

Rapina, consumazione del reato

Download PDF
Il reato di rapina è consumato nel momento in cui la cosa, pur rimanendo nella sfera di vigilanza del soggetto passivo, entra nell’orbita della disponibilità dell’agente, non avendo giuridica rilevanza né il criterio spaziale inerente al luogo entro il quale opera il dominio del rapinatore né il criterio temporale relativo alla durata del possesso da parte dell’agente, relativa a fattispecie nella quale l’imputato fu sorpreso dalle forze dell’ordine mentre, dopo aver conseguito l’impossessamento violento della refurtiva, teneva a bada le parti lese sotto la minaccia di una pistola.
(Corte di Appello di Milano, sentenza 5 marzo 2009, n. 803)

Appropriazione indebita e diritto di ritenzione

Download PDF
In tema di appropriazione indebita, il diritto di ritenzione esercitato sul bene altrui non ha efficacia scriminante se il credito che si intende tutelare non è liquido né esigibile. (Nella fattispecie, realativa all’incameramento, a titolo di compenso, di fondi della società da parte del liquidatore, la Corte ha ritenuto – sul presupposto dell’applicabilità della normativa prevista per gli amministratori alla disciplina del compenso per i liquidatori – che in mancanza di una delibera societaria di fissazione del compenso, la condotta configurasse il reato).
(Cass. Pen. Sez. II, 9 gennaio – 11 febbraio 2009, n. 6080)

Rapina e sequestro di persona, ipotesi di concorso

Download PDF
La privazione della libertà personale costituisce ipotesi aggravata del delitto di rapina (e rimane in essa assorbita) solo quando la stessa si trovi in rapporto funzionale con l’esecuzione della rapina medesima; mentre, nell’ipotesi in cui la privazione della libertà non abbia una durata limitata al tempo strettamente necessario alla consumazione della rapina, ma ne preceda o ne segua l’attuazione, in ogni caso protraendosi oltre il suddetto limite temporale, il reato di sequestro di persona concorre con quello di rapina.
(Cass. Penale Sez. II, sentenza 5 – 18 dicembre 2008, n. 46975)

Furto con strappo e rapina, differenze

Download PDF
La differenza tra il furto con strappo e la rapina risiede nella direzione della violenza, giacché è configurabile la rapina quando il fatto è commesso mediante violenza alla persona, mentre ricorre il furto con strappo quando la violenza è immediatamente rivolta verso la cosa e solo in via del tutto indiretta attinge la persona che la detiene; quando, cioè, il fatto è commesso mediante violenza sulla cosa anche se, a causa della relazione fisica intercorrente tra cosa sottratta e possessore, detta violenza abbia determinato una ripercussione indiretta e involontaria sulla vittima.
(Cass. Penale Sez. V, sentenza 10 ottobre – 19 novembre 2008, n. 43212)

La minaccia condizionata non costituisce reato

Download PDF
Esclusa la sussistenza del reato di minacce, quando la minaccia è formulata con frase formulata “condizionatamente”.

SOCIAL

397FollowersFollow
1,978FollowersFollow
647SubscribersSubscribe

ULTIMI INSERIMENTI

DA LEGGERE

TWITTER

Distrarsi per 1 secondo con l'utilizzo del cellulare equivale a guidare bendati per 15 secondi - https://t.co/IJM7AS9YE6

“Chrome è diventato un software di sorveglianza” è tempo di passare ad altro https://t.co/mcFrzqfO3U di @Macitynet.it