Home Diritto Penale

Diritto Penale

Particolare tenuità del fatto e precedenti di polizia

Download PDF

Ai fini della sussistenza del presupposto dell’abitualità del comportamento dell’imputato ostativo al riconoscimento della non punibilità per particolare tenuità del fatto, non rilevano, di per sé, denunce o precedenti di polizia, i quali determinano il dovere del giudice di verificarne anche d’ufficio gli esiti, onde trarre da questi concreti elementi di fatto eventualmente dimostrativi del suddetto presupposto.
(Cass. Sez. IV Penale, sentenza 4 ottobre – 15 novembre 2018, n. 51526)

La particolare tenuità del fatto nei reati urbanistici e paesaggistici

Download PDF

Con un’interessante pronuncia la Corte di legittimità ha affermato che nel caso di sentenza di  non punibilità ai sensi dell’art. 131-bis cod. pen. emessa nell’ambito di procedimento avente a oggetto violazioni di natura urbanistica (art. 44 d.P.R. n.380/2011) e paesaggistica (art.181 D.lgs. n.42/2004) il Giudice penale non può ordinare la rimessione in pristino dello stato dei luoghi o la demolizione delle opere abusive, in quanto non è configurabile il presupposto della sentenza di condanna, malgrado vi sia un accertamento di responsabilità dell’imputato.
(Cass. Pen. Sez. III, sentenza 10 maggio – 23 ottobre 2018, n. 48248)

Oltraggio a pubblico ufficiale: configurabilità

Download PDF

L’art. 341 bis c.p. è una fattispecie di reato a contenuto plurimo alla cui definizione concorrono le circostanze del luogo pubblico o aperto al pubblico e della presenza di più persone. La prova della presenza di più persone è condizione sufficiente a ritenere configurato il reato potendo desumersi presuntivamente il diverso dato della “percezione” dell’offesa.
(Cass. Sezione VI Penale, 6 – 27 giugno 2018, n. 29406)

Recidiva implicitamente riconosciuta: rilevanza ai fini della prescrizione

Download PDF

Verrà decisa il 25 ottobre 2018 la questione rimessa alle Sezioni Unite Penali della Corte Suprema di Cassazione concernente la recidiva contestata nei confronti dell’imputato e implicitamente riconosciuta dal giudice di merito il quale, senza aumentare la pena, l’abbia valorizzata per negare il riconoscimento delle circostanze attenuanti generiche, rilevi ai fini del calcolo del tempo necessario per la prescrizione del reato.
(Cass. Sez. Terza Penale, ordinanza 21 giugno – 4 luglio 2018, n. 12154)

Illecito utilizzo di bancomat senza PIN, delitto tentato o consumato?

Download PDF

La Quinta sezione della Corte di Cassazione ha affermato che l’utilizzazione di una carta “bancomat”, di provenienza furtiva, da parte di chi non sia in possesso del codice PIN, realizzata mediante la digitazione casuale di sequenze numeriche presso uno sportello di prelievo automatico di denaro, è sufficiente ad integrare la fattispecie consumata di utilizzazione indebita di carta abilitante al prelievo di danaro contante.
(Cass. Penale Sez. Quinta, sentenza 12 gennaio – 20 aprile 2018, n. 17923)

SOCIAL

397FollowersFollow
1,852FollowersFollow
607SubscribersSubscribe

ULTIMI INSERIMENTI

DA LEGGERE

TWITTER

2001 Odissea nello spazio, 50 anni dopo l'apoteosi della fantasia al potere è ancora mito - Tempo Libero - https://t.co/A2wIM7Uz3F https://t.co/e3ug3zmrW1

Comprate libri e non li leggete? È la cosa migliore che possiate fare https://t.co/BZVZXscucJ di @linkiesta

Roma, Cuarón e il Messico diviso in un piano sequenza https://t.co/I0KjYV01s6